fbpx

Tendenze moda da seguire anche nel 2022

Tendenze moda 2022. I principali must-have dell’anno appena passato continueranno anche nel 2022 e non sarà quindi difficile avere un guardaroba aggiornato. Comodi, sexy e che ci riportano indietro nel tempo. Ecco la lista di tutte le tendenze moda da seguire anche nel 2022.

TENDENZE MODA 2022

1) PIUME

tendenze piume

Le piume ricoprono capi e accessori di stagione rendendoli chic e eleganti. Di tendenza sopratutto durante le festività dell’anno appena trascorso, tornano nel nostro armadio anche per il 2022. Pensate a una camicia bianca con le piume sui polsini da indossare con un jeans, ecco realizzato un look anche per il giorno. 

2) KNITWEAR 

tendenze moda 2022

Il knitwear è un evergreen dell’armadio invernale che non passa mai di moda, comodo e caldo. Gilet, abiti in maglia, pullover oversize e cardigan. Il nostro guardaroba sarà già ben fornito. 

3) COLORI NEUTRI 

tendenze moda

La palette dei colori neutri (beige, cammello, avorio, khaki, écru) continuerà a colorare, in modo tenue, i nostri look. Qui trovate una guida su come abbinare i colori aiutandovi con il cerchio di Itten.  

4) SUOLA CHUNKY 

suola chunky

La suola chunky su stivali, mocassini e sandali continuerà a essere presente anche sulle scarpe più cool del 2022. 

5) CUT-OUT 

cut out dress

La tendenza dei tagli e degli spacchi su abiti, top e pantaloni è diventato un trend del 2021 che si allunga anche nella prossima stagione. Aperture sulla schiena, sulle spalle o sul ventre.

 6) MODA Y2K

Per moda Y2K (Year 2 Kilo) si intende la moda degli anni 2000 che è stata ampiamente accolta dalla Gen-Z. Il Y2K ha invaso le sfilate primavera-estate 2022. Per seguirla basterà avere pantaloni dritti, micro cardigan, borse baguette, gonne svasate, scarpe chunky e bucket Hat. Tutti capi e accessori che erano protagonisti nel 2021 e lo saranno anche quest’anno.

Vuoi ricevere altri consigli moda?
 >>> Seguimi su Instagram <<<

Lyst: il motore di ricerca per la moda

Lyst è il Google della moda. E’ una piattaforma globale di ricerca che rende disponibile 5 milioni di prodotti e 12 mila brand. Funziona allo stesso modo di Google perchè chiede all’utente di digitare una stringa di ricerca e poi inserire dei filtri tipici degli e-commerce tradizionali. Non vende ma aggrega tutti i prodotti in vendita sugli ecommerce di settore e cliccando su un prodotto di nostro interesse, ci re-indirizza sull’ ecommerce del brand.

Offre anche una serie di strumenti secondari utili ed interessanti come per esempio il Lyst Index trimestrale raccontando quali sono stati i marchi e i prodotti più ricercati in quel trimestre. 

LYST

COS’E’ IL LYST INDEX TRIMESTRALE 

E’  una classifica dei brand e degli oggetti più ricercati in quel lasso di tempo stilata partendo dai loro data analyst. La piattaforma analizza il comportamento di acquisto online di coloro che ricercano e acquistano capi e accessori moda di 12.000 brand online. Il List Index considera:

  • dati di ricerca mondiali ricavati da Lyst e Google
  • tassi di conversione e di vendita
  • menzioni di brand e prodotti sui social network

Perchè è utile questa classifica trimestrale?

 E’ uno strumento utile per vedere come sono andati i lanci di stagione e quali brand e prodotti influenzano il mercato. Permette di capire come il mercato della moda cambia considerando le ricerche e le abitudini di acquisto di milioni di persone.

Vuoi rimanere aggiornato sul settore moda?
 >>> Segui le mie Fashion News su Instagram <<<

 

Fast & high fashion: tutto ciò che devi sapere

Fast & high fashion. E’ un argomento molto ampio ma vorrei partire spiegando la differenza tra questi due termini. 

Definizione fast & high fashion

Per fast fashion si intendono quelle collezioni moda che producono i trend del momento e questa filiera produttiva fa sì che la qualità sia medio-bassa ed economica. Il fast Fashion rende i trend disponibili in maniera veloce ed economica ai consumatori. 

Per high fashion si intendono quelle collezioni che vengono presentate durante le famose Fashion Week due volte l’anno: a febbraio la FW e a settembre la SS. Con le sfilate di Alta Moda, aperte a stampa e a buyers, anticipano le tendenze moda.

Sistema produttivo del fast & high fashion

fast fashion

Il sistema moda si è rivoluzionato, inizialmente venivano prodotte due collezioni nel corso dell’anno (fall-winter e spring-summer), mentre oggi nelle catene di abbigliamento fast Fashion quasi ogni settimana l’assortimento cambia. Potremmo dire che vengono prodotte cinquantadue micro-collezioni in un anno. 

Velocizzare i processi produttivi vuol dire rinunciare a sistemi di controllo accurati e i prezzi bassi sono legati all’utilizzo di materie prime di qualità medio-bassa. Se guardiamo le etichette di questi capi notiamo come il 60% siano prodotti con fibre sintetiche (nylon, viscosa e poliestere). 

Nel caso dell’high Fashion, vengono creati su misura abiti destinati ad una clientela di lusso. I brand high fashion affiancano alle collezioni di Alta Moda una produzione di abiti che verrà messa in vendita nei negozi.

Comportamento del consumatore

 Dopo aver capito le caratteristiche del mondo fast fashion, una domanda sorge spontanea: come mai questo difetto di qualità non si traduce in una reputazione negativa nel fast fashion? 

Questo non succede perché i consumatori hanno cambiato il loro comportamento di acquisto. Oggi si comprano molti più vestiti, vuoi per la scarsa qualità (i capi si rovinano molto più velocemente) vuoi per rimanere al passo con i trend, quindi il difetto di qualità non viene considerato particolarmente. Altra cosa da tenere in considerazione è il target principale del fast fashion: i giovani. Questo pubblico giovane è più fedele alla marca, pone meno attenzione alla qualità e più attenzione al portafogli. 

Diverso è il pubblico dell’high fashion. Si pone maggiore attenzione alla qualità del capo, ai materiali utilizzati e al processo produttivo. 

Moda e inquinamento

La vita breve di un capo di abbigliamento fast fashion fa produrre tonnellate di rifiuti e si stima che solamente l’1% è riciclabile. A ciò si aggiungono anche le coltivazioni intensive delle fibre necessarie per la produzione dei capi. Altro aspetto negativo della moda istantanea è l’esternalizzazione dei processi produttivi che impedisce di avere un totale controllo sul rispetto degli standard di sicurezza e paga dei dipendenti. 

Questo è un aspetto molto importante del fashion System. 

Vuoi rimanere sempre aggiornato sul tema moda ?
>>> Seguimi su Instagram <<<

 

 

Primavera – estate 2020: colori di tendenza

La tavola dei colori must have per questa stagione è caratterizzata da nuance pastello da quelle più neutre a quelle più strong. Con l’arrivo della bella stagione il nostro guardaroba si riempierà di colore. Vediamo insieme quali sono le nuance di tendenza.

Colori di tendenza primavera – estate 2020

TURCHESE

Dalle passerelle della fashion week spicca il turchese che sa proprio di estate. E’ un colore che sta bene a tutte e perfetto per la stagione che sta arrivando.

Come abbinare il turchese: provate ad abbinarlo al color ruggine, marrone-cannella e bianco. Per un look più strong consiglio colori contrastanti come viola e sue relative tonalità, rosso e arancione. Ah, anche in questo caso non può mancare l’opzione del tono su tono nel caso si scegliesse un tailleur color turchese. 

turchese outfit

CLASSIC BLUE

E’ stato eletto da Pantone colore dell’anno 2020.  Perfetto da indossare sia di giorno che di sera. Troveremo questo tono di blu sotto forma di pattern geometrici, pois o in versione monocromatica.

Come abbinare il classic blue: l’ abbinamento principe per la primavera-estate è sicuramente con il bianco. Un’ altra idea potrebbe essere tono su tono con l’aggiunta di qualche dettaglio dorato per la sera. Possiamo creare un look con colori complementari (ovvero quei colori che si trovano al lato opposto del blu nella ruota dei colori) come rosso, giallo e rosa oppure con colori analoghi ( quelli che si trovano dalla stessa parte del blu nella ruota dei colori) come verde, viola o le altre tonalità del blu. Anche con un colore più neutro come il beige non dispiace!

classic blue outfit

GIALLO CHIARO 

Il Giallo chiaro è molto delicato e si adatta perfettamente agli outfit primaverili ed estivi. Con l’abbronzatura è il colore più utilizzato insieme al bianco. 

Come abbinare il giallo chiaro: abbinato al bianco permette di risaltarlo maggiormente. E’ possibile abbinarlo anche a nuance pastello come il lilla, l’azzurro carta da zucchero o il verde. Qui in basso vi lascio alcune idee look.

colori primavera estate 2020

LILLA

Nuance delicata e di super tendenza questa primavera – estate 2020. E’ un colore molto tenue ma così primaverile che chiunque lo amerebbe. Sta bene alle bionde, alle more, alle rosse ed è adatto sia di giorno che di sera. 

Come abbinare il lilla: L’abbinamento più gettonato è lilla e giallo indossato dalle it-girl su Instagram e nello street style.  Ovviamente nel caso in cui si scelga questo abbinamento di color pastello, gli altri colori dovranno essere banditi. Per un abbinamento più delicato e soft si può optare per lilla + bianco o beige oppure lilla + verde menta. 

tendenza lilla

ARANCIONE

Per dare un tocco di energia ai vostri look quotidiani questo colore fa al caso vostro. Anche questa tonalità, insieme al giallo, è perfetta con l’abbronzatura. Dall’arancione carota, più vivace ed elettrico, al tenute arancione albicocca. Con questa nuance c’è da sbizzarrirsi. 

Come abbinare l’arancione: Un classico potrebbe essere l’abbinamento con il bianco che rende più tenue un color così vivace. Look perfetto per una sera d’estate. Per un outfit più casual si può optare per un total look arancione con accessori o un capospalla in blu elettrico. Al contrario per una serata elegante si può scegliere un blazer turchese da abbinare ad una gonna arancione. Molto chic!

arancione colore tendenza

VERDE ACIDO

Tra i colori di tendenza per questa primavera estate 2020 abbiamo anche il verde acido o neon lime. Un colore accesso ed energico che ricorda il colore dell’evidenziatore. La sua particolarità è il fatto che compare in tinta unita e mai in stampe. 

Come abbinare il verde acido: per abbinare questo colore consiglierei un total look senza accessori perché non verrebbero valorizzati data l’eccentricità del colore. Altra opzione è abbinare il neon lime a colori tenui come il beige oppure a contrasto con il nero. 

colori primavera estate 2020

FUCSIA

Il fucsia ha colorato abiti, accessori e scarpe che sono di tendenza per questa stagione. E’ bene quindi avere almeno un pezzo in questo colore. La versione più shocking di rosa la troviamo sia come tinta unita che come dettagli su stampe. 

Come abbinare il fucsia: sicuramente il fucsia avrà un effetto cromatico molto forte quindi, per chi decide di osare può optare per un total look altrimenti si può scegliere un accostamento più delicato con colori neutri. Per smorzare la tonalità accesa del fucsia indossate un solo capo fucsia e abbinatelo al nero, bianco o beige. Un perfetto alleato del fucsia è il denim per creare un effetto super trendy! La combo più cool rimane fucsia e rosso. 

colori primavera estate 2020

 

Vuoi ricevere altri consigli fashion?
>>> Seguimi su Instagram <<<

Pochette: storia e curiosità

La pochette è una piccola borsa che si porta a mano. Solitamente dal design minimal e che si riempie con lo stretto necessario.  Il termine francese deriva dall’unione di due parole: poche (che significa tasca) e il suffisso diminutivo -ette. 

La storia della borsetta da sera nasce nella Francia del 700 quando le donne portavano con sé delle piccole sacche di seta, chiamate reticoli, in cui riponevano l’essenziale. Nel corso degli anni ’90 tutti i dettami della moda vittoriana vennnero accantonati per dare spazio ad una figura di donna più libera e indipendente anche in termini di moda. Gli abiti e le pettinature degli anni precedenti vennero lasciati da parte e la pochette divenne simbolo di femminilità. Dagli anni 2000 in poi la mini-bag per eccellenza ha conosciuto un boom ed è diventata l’accessorio più chic per la sera.  

pochette sera

                                                Pochette da sera

Differenza tra pochette & clutch

Conoscete la differenza tra queste due mini-bag simili ma diverse? La pochette è solitamente in tessuto morbido, con un manico o tracolla e in formato rettangolare o a bustina. Le troviamo con dettagli preziosi per la sera o più casual da abbinare ad un jeans per il giorno. Al contrario la clutch è una borsa molto piccola, rigida, senza manici e con chiusura a scatto. Viene utilizzata principalmente per serate eleganti e formali.

Clutch

                                       Clutch

Pochette di giorno

Morbida o rigida, semplice o impreziosita è un must have per tutte le donne. La mini-bag è un accessorio di tendenza che impreziosisce i look di sera ma anche quelli di giorno. 

Elegante, raffinata e di piccole dimensioni. Sicuramente quest’ ultima caratteristica non la rende una borsa comoda perché permette di portare con sé solo l’indispensabile. La pochette da giorno, a differenza di quella per la sera, è pensata per contenere tutto l’indispensabile per affrontare una giornata fuori casa. Ecco che quelle da giorno sono caratterizzate da una forma extra-large e materiali morbidi. Per un aspetto più casual portatela sotto braccio tra il gomito e il punto vita! 

Pochette da giorno

                                                    Pochette da giorno

Come indossare la pochette 

Giunti alla fine dell’articolo potremmo quindi concludere che la pochette è un accessorio perfetto sia per la sera che per il giorno, l’importante è scegliere il giusto modello. 

Vuoi ricevere altri consigli fashion?
>>> Seguimi su Instagram <<<