fbpx

Gucci e Balenciaga nella collezione “Aria”

Gucci e Balenciaga

Gucci & Balenciaga. Il 15 aprile ha sfilato la collezione Aria di Gucci in collaborazione con Balenciaga. Questa sfilata è stata il risultato di un processo creativo tra Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, e di Demna Gvasalia, di Balenciaga. 

Son passati ben 100 anni da quando Guccio Gucci aprì il suo piccolo negozio di pelletteria a Firenze e i suoi valori e simboli si sono evoluti nel tempo. Alcuni di questi sono presenti ancora oggi nelle collezioni Gucci come il monogramma, in onore del fondatore, e la stampa Flora. 

Non poteva quindi, questa collezione celebrativa, non essere presentata con creazioni inedite ispirate all’estetica di Balenciaga. Intitolata Aria, la collezione è stata presentata attraverso un cortometraggio co-diretto dal direttore creativo e da Floria Sigismondi.

FILM E SFILATA

 Il fashion film è una vera e propria sfilata, a cui si accede attraverso la porta del Club Savoy dove il fondatore di Gucci lavorò come usciere da giovane, prima di tornare a Firenze e dar vita alla maison. Alessandro Michele ha voluto impostare questa presentazione come una festa in occasione del centenario di Gucci. 

Aria inizia entrando al Savoy Club e rappresenta l’inizio di una storia che porta alla sfilata. E’ una sfilata tradizionale (anche se di classico ha veramente poco) composta da 94 modelli che sfilato fino ad arrivare al fondo della passerella e lasciarsi fotografare dai fotografi radunati, passando per un pubblico metaforico rappresentato da sistemi di ripresa vecchi attaccati al muro. La sfilata prosegue in una dark room, una strettoia di vinile, prima di arrivare ad una nuova rinascita rappresentata da un giardino segreto. La natura li accoglie lì dove l’aria consente di esser liberi. 

ll riferimento alla festa in passerella si vede con capi scintillanti e festivi. Ad arricchire la collezione ci sono capi iconici come il velvet suit e capi che citano Balenciaga. Non si tratta di una vera e propria collaborazione, ma espressione di creatività di Alessandro Michele che mescola Gucci e Balenciaga dando vita ad Aria. 

Gucci-tom-ford-1996 - Balenciaga

Velvet Suit – Tom Ford

CURIOSITA’ SULLA SFILATA

In questa sfilata si vuole celebrate l’heritage di Gucci e per questo motivo troviamo riferimento ed omaggi che ripercorrono la storia e l’evoluzione della maison. 

  • La scritta Savoy è presente in molte grafiche della collezione perchè si vuole far riferimento al Savoy Hotel dove lavorò il fondatore da giovane. Durante questa esperienza lavorativa scoprì il mondo della valigeria di lusso e tornò in Italia per aprire una bottega di valigie.

 

  • Il riferimento all’ippica (caschi da fantini, frustini e harness di pelle)  è un chiaro riferimento alle origini del brand che nasce come valigeria e selleria. Questo richiamo visivo è sottolineato anche dalla presenza di cavalli nella parte finale del fashion film.  

 

  • E’ la prima volta che il brand utilizza una soundtrack così moderna per uno show. La sfilata Aria ha infatti una colonna sonora con canzoni trap e hip-hop che menzionavano Gucci nel proprio testo.

MODA E COMUNICAZIONE 

La storia di Gucci è caratterizzata da simboli ricchi di valori identitari e storici. Alessandro Michele crede molto nel potere della parola e dal 2015, da quando è direttore creativo di Gucci, ha introdotto una nuova narrativa ricca di simbolismi. 

Gucci invita gli spettatori con un Quiz

L’invito alla sfilata diventa un elemento importante per definire lo storytelling della maison. Gucci ha così scelto un nuovo format e spedito ai suoi ospiti virtuali il Gucci Quiz. Una pubblicazione non convenzionale, con la collaborazione di Keesing PRS Italia ed il supporto della redazione di Domenica Quiz, in cui il lettore è invitato a risolvere cruciverba e rompicapo basati sull’ heritage della storia Gucci.  Attraverso questi enigmi gli invitati scoprono i dettagli per partecipare al fashion show. 

Il messaggio di questo nuovo format è che, a differenza degli altri quiz, non c’è una risposta giusta o sbagliata perchè la moda deve essere libertà di espressione e la risposta corretta è dentro ognuno di noi. 

 

Vuoi rimanere aggiornato sul settore moda?
 >>> Segui le mie Fashion News su Instagram <<<

Valentina Gallo

Gestisco i canali social di aziende del settore moda. Mi piace scrivere, dare consigli di stile ed essere sempre aggiornata sulle ultime tendenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *